Trial, quando l'abilità del pilota è tutto

Il trial indica generalmente una specialità del motociclismo e del ciclismo sportivi, tuttavia può essere praticato anche con i più svariati mezzi a quattro ruote.

L'origine del trial risalirebbe al XX secolo, quando nel Regno Unito vennero organizzate le prime competizioni. All'epoca ad essere utilizzate erano moto di serie che si fronteggiavano su strade in condizioni dissestate, intervallate da rapidissime salite.

Il trial in senso moderno si sviluppa invece alla fine della Seconda Guerra Mondiale, periodo nel quale videro la luce i primi prototipi. Furono le più famose case produttrici inglesi a cimentarsi per prime nella creazione di works bikes.
Con l'accrescere delle richieste, alcune case produttrici inserirono nei loro listini modelli costruiti appositamente per la pratica di questo sport. Il trial, inoltre, rappresenta un duro banco di prova per tutti i piloti, poiché non è la velocità del veicolo a definire il risultato delle gare; equilibrio e abilità sono le qualità fondamentali da possedere. È infatti il talento del pilota ad essere determinante mentre, rispetto alle tradizionali gare motociclistiche, la fortuna ricopre un ruolo marginale.
L'accento posto sulla bravura del pilota, piuttosto che sulla potenza o velocità del mezzo, è percepibile fin dal nome scelto per indicare tale sport. Il termine di origine inglese trial con il quale ci si riferisce allo sport può infatti essere tradotto con «tentativo, prova od esame».

Solitamente il trial si divide in due categorie: il motoalpinismo e quello che comunemente viene definito con il solo termine trial. Il primo vede i piloti esibirsi lungo sentieri di montagna. È infatti tra sentieri sconnessi, torrenti, pietraie che il pilota deve mostrare la propria abilità.
La seconda categoria, invece, prevede tracciati costruiti appositamente e può essere praticato sia indoor che outdoor.

In Italia il trial comincia a diffondersi a partire dagli anni Sessanta. In tempi più recenti, la produzione delle moto si è modifica notevolmente puntando innanzitutto sulla leggerezza e maneggevolezza del mezzo. Ad oggi le principali case costruttrici sono la Montesa, la GasGas e la Ossa (unite nel 2014), la Jotagas, la Sherco, la Beta e la Scorpa.

Strutture Sportive

Click on the map to add markers.

Trova le piste indoor e outdoor più vicine a te!