Deprecated: strripos(): Non-string needles will be interpreted as strings in the future. Use an explicit chr() call to preserve the current behavior in /mnt/BLOCKSTORAGE/home/243185.cloudwaysapps.com/mfeudjmnxz/public_html/themes/restricted/ff/ffPage/ffPage_html.php on line 3323
La Storia di Bologna
   Articolo approfondimento

La Storia di Bologna

Il capoluogo di Regione dell’Emilia Romagna in origine si chiamava Felsina


Bologna è molto famosa per essere la sede della più antica Università del mondo occidentale, per la stupenda architettura, per i portici e la buona cucina. Non per nulla l’antico detto con il quale è nota la città Emiliana recitava “Bologna la rossa la dotta e la grassa”. Rossa per la colorazione dei laterizi con i quali sono stati edificati la maggior parte dei suoi palazzi, dotta per l’università e grassa per la stupenda cucina

La località venne ad essere abitata in tempi antichissimi. Tra il VII e il VI secolo a.C. gli Etruschi costruirono una vera città che venne chiamata con il nome di Felsina.

Nel IV secolo a.C. fu presa dai Galli Boi. Quando nel II furono definitivamente sconfitti divenne città romana. A partire dal 189 a.C. con il nome datole da romani, Bononia, divenne una colonia di primaria importanza in special modo dopo la realizzazione della via Emilia.

Dal VI secolo d.C. fu prima sotto i Goti e successivamente venne ad essere conquistata da Bizantini. Nel 728 fu occupata da Liutprando, re dei Longobardi. Nel X secolo dipendeva da Ravenna e fu devastata dagli Ungari.

Nel 1035 il conte Ugo la sottrasse alle dipendenze di Ravenna. Quindi dall’oscurità del periodo barbarico a seguito della caduta dell’impero romano, la città risorse nell’età comunale nel corso del quale conobbe l’epoca di maggior floridezza economica e demografica, seguita poi dalla lunga dominazione dello Stato Pontificio, che si concluse nel 1860 a seguito di un plebiscito che decise l’annessione al regno sabauda.

Fino alla fine del XIX secolo, quando è stato intrapreso un progetto di riqualificazione urbana su larga scala, Bologna è rimasta una delle poche grandi città murate d’Europa. Ancora oggi, e nonostante abbia subito notevoli danni bombardamenti nel 1944, Bologna ha il secondo centro storico più grande d’Europa, contenente un immenso patrimonio di importanti testimonianze medievali, rinascimentali e barocche e con numerosi stupendi monumenti artistici.

Scrivi un commento