Deprecated: strripos(): Non-string needles will be interpreted as strings in the future. Use an explicit chr() call to preserve the current behavior in /mnt/BLOCKSTORAGE/home/243185.cloudwaysapps.com/mfeudjmnxz/public_html/themes/restricted/ff/ffPage/ffPage_html.php on line 3323
Milano: incrocio killer
   Notizie

Milano: l'incrocio killer tra Via Ravizza e Via Domenichino

Continui incidenti, numerose segnalazioni ma ad oggi ancora nessuna soluzione.


Sono numerosi gli incidenti stradali tra Via Domenichino e Via Ravizza, alcuni mortali. Diversi e continui gli appelli da parte dei cittadini, preoccupati per la mancanza di una soluzione che tarda ad arrivare.

Ancora un'altra segnalazione, stavolta sul portale Comune.info. Letizia G., residente della zona, ci scrive:

“L'incrocio tra piazzale Crivellone, via Domenichino, via Lorenzo Di Credi e via Ravizza è continuamente luogo di incidenti, alcuni in passato molto gravi e mortali. Nell'ultima settimana ben due incidenti in cui le auto finiscono sul marciapiede di via Domenichino e piazzale Crivellone, abbattendo la protezione, con il rischio di prendere anche pedoni che sono in procinto di attraversare la strada sulle strisce pedonali (è così che circa 2 anni fa un uomo ha perso la vita)”.

Era il 20 aprile 2013 quando un uomo di 50 anni, padre di 4 figli, perse la vita in quell'incrocio maledetto, travolto da un'automobile mentre era a piedi. Il tragico episodio portò alla redazione di una mozione, da parte degli allora consiglieri di zona Marco Bestetti e Irene Pasquinucci, per la messa in sicurezza dell'incrocio. Non fu sufficiente. La competizione politica prese il sopravvento, mettendo in secondo piano la sicurezza dei cittadini.

Dopo due anni, l'incrocio killer continua a fare vittime e nessun intervento è stato ancora realizzato.

La redazione di Comune.info ha provveduto ad inoltrare la segnalazione al Comune di Milano, tramite il profilo istituzionale di Twitter. Abbiamo ricevuto risposta: la segnalazione è inviata agli uffici competenti.

Incrociamo le dita, sperando in una soluzione tempestiva. Non c'è più tempo da perdere. Non si può perdere la vita così.
 
Scrivi un commento