  Articolo approfondimento

Cosa Vedere a Bologna

Passeggiare per la città riserva dei deliziosi scorci. Freschi e piacevoli i portici


Grazie alla sua eredità romana, le strade del centro di Bologna, oggi in gran parte pedonale, seguono il modello di griglia della colonia romana. Le mura romane originali sono state soppiantate da un alto sistema medioevale di fortificazioni, resti del quale sono ancora visibili e, infine, da una terza ed ultima serie di bastioni costruiti nel XIII secolo, di cui numerose sezioni sopravvivono.

Delle numerosissime torri che sorgevano nel medioevo rimangono quelle celebri degli Asinelli e della Garisenda risalenti al XII secolo e che oggi sono divenute dei simboli della città.

Altri monumenti di notevole importanza sono la Basilica di San Petronio una delle più grandi chiese del mondo, il Palazzo del Podestà risalente al XIII secolo e il Palazzo di re Enzo, di fronte al quale sorge la celeberrima fontana di Nettuno realizzata dal Giambologna nel 1566.

Il paesaggio urbano è ulteriormente arricchito dai suoi portici eleganti e ampi, per i quali la città è famosa. In totale, ci sono circa 38 chilometri di portici che si snodano nel centro della città storica e oltre 45 chilometri nella città vera e propria, che permettono di camminare per lunghe distanze al riparo dalle intemperie.

Il Portico di San Luca è forse più lungo del mondo. Collega Porta Saragozza, una delle dodici porte delle antiche mura costruite nel Medioevo, con la Santuario della Madonna di San Luca, una chiesa iniziata nel 1723 sul luogo di un edificio del XI secolo, che era già stata ampliata nel XIV secolo. Il famoso Santuario è ben visibile, essendo situato su un colle a quasi trecento metri e domina la città, divenendo uno dei principali punti di riferimento di Bologna. I suoi portici offrono riparo per la tradizionale processione che ogni anno, a partire dal lontano 1433, viene ad essere organizzata e nella quale è portata in processione una icona bizantina della Madonna con Bambino attribuita a Luca Evangelista; si svolge durante la settimana dell'Ascensione e l’arrivo è alla Cattedrale di Bologna.

Fra i numerosi edifici religiosi da visitare a Bologna, merita una tappa la Basilica di San Giacomo Maggiore, realizzata a cavallo tra il XIII e il XIV secolo, contenente opere d’arte rinascimentali d’immenso valore. Gli amanti dell’arte non potranno rinunciare a visitare la Pinacoteca Nazionale con l’incredibile patrimonio conservato al suo interno.

Altri importanti luoghi da visitare sono il Museo Archeologico, con le sue suggestive collezioni di reperti di epoca etrusca e romana e una raccolta interessante di reperti egizi, e il Museo di Arte Moderna. Bologna è particolarmente nota anche per i suoi parchi e giardini. Di particolare valore l’Orto Botanico, fondato nel XVI secolo.

Approfondimenti
Scrivi un commento